FaceBook = Dittatura Mediatica


Molti compreso me hanno sempre visto FaceBook come un mezzo per esprimere il proprio pensiero, mentre mi sa che sia io che molti dobbiamo ricrederci. FaceBook usa due pesi e due misure, chi ha idee alternative alle storie propinate dai media di regime viene continuamente segnalato, per esempio, io sono stato bloccato 30 giorni solo per aver risposto ad uno che mi aggrediva con questo commento: "è da pecore seguire ciecamente il sistema", mentre per una pagina che ha preso delle mie foto per bullizzarmi in una gogna mediatica, FaceBook non ha fatto nulla, ha lasciato andare, dicendo che questo non viola le leggi della sua comunità. Facendo cosi intendere: che i teorici di una visione alternativa possono essere derisi, bullizzati e insultati pesantemente, e se codesti rispondo alle calunnie verranno pure puniti e bloccati. Quindi ai difensori delle teorie di regime, tutto è concesso, mentre chi ha un idea alternativa deve essere bloccato in tutti i modi, anche se i post che fa non fomentano in alcuno modo l'odio, ma servono solo a far riflettere sulle stranezze e bugie dei media del regime.
Non solo chi propone una versione alternativa alle istituzioni deve affrontare la derisione da parte della massa disinformata, ma deve anche beccarsi queste ingiustizie ed inequità.
Ma la cosa molto assurda e anche ridicola di questa faccenda, è che queste persone che vanno a caccia di chi non la pensa come il regime (e come detto sopra a questi malcapitati gli viene inflitta una gogna mediatica con il consenso di FB), hanno come leader Piero Angela (uno dei fondatore del CICAP, associazione per smascherare tutto quello che non è conforme al regime), si avete letto bene, Piero Angela, il famoso professore senza laurea. Si ha delle lauree ad honorem, ma con tutto il rispetto anche Vasco Rossi ne ha, ma questo non fa di lui uno scienziato. Le lauree ad honorem vengono date a chiunque sia famoso, e mi spiace dirlo, ma a molti vengono date solo perchè sono raccomandati (ricordo che Piero Angela è figlio di un massone del 33º grado); sono lauree regalate per favoritismi, non come le VERE lauree che i poveri plebei si devono sudare studiando per lunghi anni. Concludendo: secondo loro chi non ha una laurea NON può esprimersi, eccetto per il loro leader, che può fare libri sulla scienza e insegnare scienza pur non avendone il titolo; -e questa la dice lunga sul loro essere coerenti-. Lui (il re) può, noi plebei non possiamo. Queste persone sono molto confuse e meschine, sono pronte a tutto pur di far valere solo la versione propinata dal regime. Ma la cosa scandalosa rimane che FB permetta tutto questo.
Alla luce di tutto ciò FB non è un social dove poter scambiare e anche confrontare il proprio pensiero con gli altri, ma è un altro strumento in mano all'elite di potere per imporre il pensiero unico (come se le TV non erano già a sufficienza).
Tra l'altro ricordo la legge sulla libertà di espressione, che viene continuamente violata da FB:
Non va confusa però libertà di espressione con libertà di fomentare odio e bullizzare chi non la pensa come noi; bloccare chi fomenta odio è giusto, non è giusto bloccare chi esprime i propri pensieri logici in modo corretto ed educato (e tra l'altro FaceBook  è doppiamente scorretta perchè permette che i liberi pensatori vengano bloccati e lascia ai bulli bullizzare i liberi pensatori).



Ma come sempre c'è una soluzione per cambiare questo schifo di regime, fatto da persone che vogliono solo sopraffare gli altri. Fatto di gente che non vuole dialogare, ma vuole solo aver ragione. Gente che vuole ammutolire gli altri solo per appagare il proprio ego:
"Non appena ho cominciato ad amarmi ho trovato che le emozioni che mi facevano soffrire come l’angoscia sono solo sintomi di comportamenti che vanno contro la mia propria verità.
Oggi, io so che questa è “autenticità“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho capito quanto può offendere forzare i nostri desideri su un’altra persona, anche quando non è il giusto momento e quando la persona non è pronta, e anche quando quella persona sono io.
Oggi lo chiamo “rispetto“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho smesso di desiderare una vita differente, ed ho potuto vedere che tutto quanto mi circondava mi invitava a crescere.
Oggi la chiamo “maturità“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho capito che ad ogni circostanza, sono nel posto giusto al momento giusto, e che tutto succede nel momento esatto; in questo modo posso rimanere calmo.
Oggi la chiamo “fiducia in sé stessi“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho smesso di sprecare il mio tempo, ho smesso di progettare grosse imprese. Oggi faccio solo ciò che mi porta gioia e felicità, solo ciò che amo fare e le faccio a modo mio e con i miei tempi.
Oggi la chiamo “semplicità“.
Non appena ho cominciato ad amarmi mi sono liberato di tutto ciò che non è buono per la mia salute: cibo, persone, cose, situazioni e tutto ciò che mi porta giù e londano dal mio Sé. Questa attitune dapprima la chiamavo un sano egoismo…
Oggi la chiamo “amore per sé stessi“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho smesso di provare ad essere sempre corretto, e da allora mi sbaglio di meno.
Oggi ho scoperto che questa è “modestia“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho rifiutato di vivere nel passato e di preoccuparmi per il futuro. Adesso, vivo solo per il presente, qualsiasi cosa succeda.
Oggi vivo giorno per giorno, e la chiamo “realizzazione“.
Non appena ho cominciato ad amarmi ho riconosciuto che la mia mente può disturbarmi fino a farmi stare male. Da quando l’ho connessa al mio cuore, la mia mente è diventata mia alleata.
Oggi la chiamo “saggezza del cuore“.
Non abbiamo più bisogno di aver paura delle discussioni, dei confronti o di ogni altro tipo di problemi con noi stessi o con gli altri. Anche le stelle collidono, e dal loro scontro nascono nuovi mondi.
Oggi io la chiamo “vita“! "
-Charlie Chaplin

"Non scusarti mai, per quello che sei. Molte persone, specialmente quelle ignoranti, ti vogliono punire per aver detto la verità, per essere stato leale e per essere te stesso. Non scusarti mai per essere stato leale o per essere anni avanti al tuo tempo. Se sei nel giusto e se lo sai, parla liberamente. Dì quello che pensi. Anche se sei l'unico rappresentante di una minoranza, la verità è ancora la verità."
-M. Gandhi.

Jung
"Chi obbedisce alla sua anima può fare a meno delle ingiurie come delle lodi."

Gandhi
"La persona che non è in pace con se stessa, sarà in guerra con il mondo intero."

Beppe Caselle